Mutui online  Mutui e Prestiti, guida e consigli per una scelta tranquilla.       
      | Home Page |      
Qui la Vostra Pubblicità, contattateci info@mutuobanca.com
  :: GUIDA AL MUTUO
  Guida, Aiuto, Consulenza
  Spese da Sostenere
  Mutuo Casa
  Mutui e Prestiti
  Mutuo Tasso
  Tasso Fisso
  Tasso Variabile
  Tasso Misto
  Tasso Zero
  Rata Mutuo
  Calcola Rata Mutuo
  Interessi Mutuo
  Agevolazioni Fiscali
  Mutuo Ipotecario
  Mutuo Fondiario
  Mutuo Agrario
  Mutuo alla Francese
  Mutuo Giovani - Sposi
  Mutuo Impresa
  Mutuo 100%
  Costruzione Casa
  Ristrutturazioni
  Glossario
  

:: BANCHE
 Banca Intesa
 Mutuo Abbey
 Mutui Woolwich
 Unicredit Banca
 Banca di Roma
 Banca Mediolanum
 Banca San Paolo
 Monte Paschi
 Mutui Fineco
 Banca Fideuram
 Banca Antonveneta
 BNL
 Credem



Trova il Miglior Mutuo consultando la nostra guida.

Concetto di Tasso o saggio - Miglior Tasso

Come scegliere il tasso

Quando scegliete un mutuo vi viene assegnato un tasso (tasso di interesse) in riferimento alla percentuale annua di interessi che pagherete sul capitale richiesto (es con 80000 euro di finanziamento in 10 anni con un tasso fisso del 5% pagherete 4000euro per ogni anno X 10 anni = 20000 euro di quota interessi ripartita alla francese nelle varie annualità).
Se si pagha l'interesse sull'interesse (ve ne accorgete se sommando la quota interessi dei vari ratei questa supera come nell'esempio precedente 20000 euro) allora il tasso è detto composto, in caso contrario è detto semplice (pago semplicemente la somma degli interessi annuali).
Oltre ai tassi comunemente applicati (fisso e variabile) si va diffondendo il tasso misto (vedi sezione apposita), esistono anche capped rate (CAP) e il tasso bilanciato.








Il CAP è un particolare tasso variabile con un tetto massimo predeterminato per il saggio di interesse (una sorta di ancora di salvezza) oltre il quale non si potrà mai andare, anche se gli indici di riferimento dovessoro andare oltre (questa garanzia chiaramente si paga con una sorta di penalizzazione rispetto al varibile puro).
Nel tasso bilanciato (una sorta di misto particolare) il mutuo è un "miscuglio" tra fisso e variabile con un peso diverso da dare alle due soluzioni in base alle scelte del cliente (in base alla prevalenza di fisso o variabile e al periodo scelto si calcoleranno i ratei), es si parte con un varibile per i primi 5 anni e poi si passa al fisso (con un tasso predeterminato nella migliore delle ipotesi).

Alcune banca parlano di "tasso di ingresso" una sorte di tasso promozionale valido per un numero limitato di rate (6 mesi o 1 anno esempio la CREDEM offre un tasso dell'1% per il primo anno per un mutuo almeno di 15 anni) per poi passare ad un tasso concordato fisso o variabile (la convenienza può essere valutata dal confronto dei piani di ammortamento di due mutui: sommando, per una soluzione tasso fisso, le rate di tutto il periodo e confrontando tra loro le cifre).

ATTENZIONE

Dopo tre anni di continui ribassi, nell'ultima riunione della Banca Centrale Europea, all'unanimità il Consiglio direttivo, ha deciso ( per dare stabilità ai prezzi) di rivedere al rialzo il costo del denaro portandolo al 2.25%. In una succesiva precisazione del 1/12/05 lo stesso Trichet ha rassicurato che la decisione presa non fa parte di una strategia a lungo termine (aumento sistematico dei tassi) e le prossime decisioni saranno legate ai nuovi scenari che si prefigureranno.
Rialzo dei tassi


Contratto preliminare | Documenti mutuo | Rogito |
Altre informazioni sui mutui | Agevolazioni fiscali |







Disposizioni in tema di Usura