Mutui online  Mutui e Prestiti, guida e consigli per una scelta tranquilla.       
      | Home Page |      
Qui la Vostra Pubblicità, contattateci info@mutuobanca.com
  :: GUIDA AL MUTUO
  Guida, Aiuto, Consulenza
  Spese da Sostenere
  Mutuo Casa
  Mutui e Prestiti
  Mutuo Tasso
  Tasso Fisso
  Tasso Variabile
  Tasso Misto
  Tasso Zero
  Rata Mutuo
  Calcola Rata Mutuo
  Interessi Mutuo
  Agevolazioni Fiscali
  Mutuo Ipotecario
  Mutuo Fondiario
  Mutuo Agrario
  Mutuo alla Francese
  Mutuo Giovani - Sposi
  Mutuo Impresa
  Mutuo 100%
  Costruzione Casa
  Ristrutturazioni
  Glossario
  

:: BANCHE
 Banca Intesa
 Mutuo Abbey
 Mutui Woolwich
 Unicredit Banca
 Banca di Roma
 Banca Mediolanum
 Banca San Paolo
 Monte Paschi
 Mutui Fineco
 Banca Fideuram
 Banca Antonveneta
 BNL
 Credem



Trova il Miglior Mutuo consultando la nostra guida.

Concetto di Tasso o saggio - Miglior Tasso

Quale tasso preferire
La scelta del tasso di interesse per il proprio mutuo è come la scelta del tipo di investimento e della propria propensione al rischio (profilo di investimento); molto dipende anche dalle disponibilità economiche del mutuatario (intese come entrate mensile e margine rispetto alla rata scelta).

Se volete conoscere in anticipo e con esattezza l'ammontare di tutte le rate che pagherete, allora state cercando un mutuo a tasso fisso (indicato quando il tasso di inflazione è in crescita e con esso il costo del denaro), questa soluzione vi garantirà un reddito fisso e prevedibile anche negli anni futuri.

Se il vostro reddito è molto più alto della rata che andrete a pagare mensilmente allora potete scegliere un tasso variabile (che vi consentirà un notevole risparmio sulla rata e sugli interessi - del 2% la differenza rispetto al fisso), tale tasso è indicato quando l'inflazione è in calo e il denaro costo poco (tendenza opposta a quella attuale).







Se vi trovate a scegliere in un periodo di incertezza economica (l'inflazione non ha una tendenza ne al rialzo ne al ribasso ma oscilla) e non ve la sentite di prendere una decisione così importante (tasso fisso o variabile) per gli anni futuri, optate per un tasso misto che parte con fisso o variabile e vi consente, una volta capito l'andamento dell'economia, di scegliere la soluzione giusta (con un prezzo da pagare legato alle nuove condizioni e agli interessi già pagati).

Il CAP è consigliato a chi non vuole esagerare nel rischio del variabile, ma vuole tutelarsi da situazione estremamente rischiose per il suo bilancio familiare.

Se siete esperti di finanza e riuscite a fare delle previsioni a medio lungo termine sui tassi, allora scegliete un tasso bilanciato, in questo modo personalizzerete il mutuo nei minimi dettagli (guai a sbagliare le previsioni o andare in controtendenza).

ATTENZIONE

Dopo tre anni di continui ribassi, nell'ultima riunione della Banca Centrale Europea, all'unanimità il Consiglio direttivo, ha deciso ( per dare stabilità ai prezzi) di rivedere al rialzo il costo del denaro portandolo al 2.25%. In una succesiva precisazione del 1/12/05 lo stesso Trichet ha rassicurato che la decisione presa non fa parte di una strategia a lungo termine (aumento sistematico dei tassi) e le prossime decisioni saranno legate ai nuovi scenari che si prefigureranno.
Rialzo dei tassi


Contratto preliminare | Documenti mutuo | Rogito |
Altre informazioni sui mutui | Agevolazioni fiscali |








Disposizioni in tema di Usura