Mutui online  Mutui e Prestiti, guida e consigli per una scelta tranquilla.       
      | Home Page |      
Qui la Vostra Pubblicità, contattateci info@mutuobanca.com
  :: GUIDA AL MUTUO
  Mutuo Casa
  Mutui e Prestiti
  Mutuo Tasso
  Tasso Fisso
  Tasso Variabile
  Tasso Misto
  Agevolazioni Fiscali
  Mutuo Ipotecario
  Mutuo Fondiario
  Mutuo Agrario
  Calcola Mutuo
  Rata Mutuo
  Interessi Mutuo
  Mutuo alla Francese
  Informazioni Mutui
  Costruzione Casa
  Ristrutturazioni
  Mutuo Giovani - Sposi
  Mutuo Impresa
  Mutuo 100%
  Tasso Zero
  Guida, Aiuto, Consulenza
  

:: BANCHE
 Banca Intesa
 Mutui Woolwich
 Unicredit Banca
 Banca di Roma
 Banca Mediolanum
 Banca San Paolo
 Monte Paschi
 Mutui Fineco
 Banca Fideuram
 Banca Antonveneta
 Banca d'Italia
 BNL
 Credem
 Altre Banche



Trova il Miglior Mutuo consultando la nostra guida.

IRS - Interest Rate Swap


Quando una banca concede ad un cliente un mutuo a tasso fisso (o un prestito personale di lunga durata) deve "coprirsi" da eventuali rischi di rialzo eccessivo dei tassi (in questo caso potrebbe rimetterci e non poco).
Normalmente i tassi fissi sono già concessi ad un valore più alto rispetto ai variabili per contenere tale rischio a monte, più si allunga la durata della restituzione più il tasso fisso aumenta (per l'imprevedibilità della lunga durata); per evitare brutte sorprese le banche fanno accordi con enti disposti ad accollarsi tale rischio (tali accordi sono detti swap), dal valore del tasso a cui si riescono a chiudere tali accordi banca - ente garante nascono gli interest rate swap (IRS).
Ricapitolando, la banca che vi concede il denaro in prestito compra denaro al tasso di riferimento (dato dalle banche centrali), tale tasso lo appesantisce della componente IRS (da destinare all'ente garante) nel caso di mutui a tasso fisso e aggiunge un proprio spread di guadagno.

Gennaio 2011: la bce nella seduta di oggi 13 Gennaio ha confermato i tassi all'1%, nonostante tale conferma non si frena il rialzo dell'eurobor e dell'irs (tasso lettera); ricordiamo che l'irs è utilizzato come riferimento dei mutui a tasso fisso, cambia al cambiare del numero di anni a cui fa riferimento: a 5 anni al 2,647%, a 10 anni è al 3,326%, a 20 anni è al 3,728%, a 30 anni è al 3,568%.

Tasso variabile= tasso di riferimento + spread bancario
Tasso fisso= tasso di riferimento + spread bancario + IRS della durata del mutuo (l'irs aumenta all'aumentare del tempo di restituzione).








Contratto preliminare | Documenti mutuo | Rogito |
Altre informazioni sui mutui | Agevolazioni fiscali |