Sofferenze bancarie

Le sofferenze bancarie sono in continua ascesa, questo dato ormai da qualche mese non è più una novità: le banche hanno in conto circa 82 miliardi di euro sotto questa voce (crediti di scarsa qualità), l’aumento  rispetto allo stesso periodo del 2011 è superiore all’11% corrispondente a quasi 9 mld euro.  Questa situazione chiaramente farà decidere molte banche a uscire quanto prima da tale onere, chi potrà starà lontano dei crediti di scarsa qualità (cioè forniti ad aziende che non hanno dei requisiti per la restituzione ottimali). Questo stato non è altro che uno dei tanti indicatori di crisi che il sistema Italia sta attraversando in questa fase, confindustria qualche giorno fà lo ha definito come post bellico se non peggio. La scarsa liquidità con l’impossibilità per molti piccoli imprenditori di rientrare dei propri crediti che creato un circolo vizioso che rende ingessata tutta l’economia.
Da una parte stanno diminuendo i prestiti e i mutui alle imprese, dall’altra stanno aumentando le segnalazioni di riciclaggio del denaro effettuate dagli intermediari, segno questo che la criminalità ha trovato spazio in questo contesto aumentando i volumi dei suoi affari, chiaramente a condizioni usuraie.

 

0 pensieri su “Sofferenze bancarie

  1. admin Autore articolo

    crediti immobiliari sono deteriorati: spesso si sente parlare di questo argomento, di cosa si tratta?
    Un credito è considerato tanto più di qualità quanto più il debitore è in grado di restitutire la somma con gli interessi dovuti e la garanzia posta come base del prestito mantenga il suo valore nel tempo.
    Attualmente i crediti per mutui casa delle banche si deteriorano per due motivi: i mutuatari o perdono il lavoro o il reddito familiare diminuisce, in questo modo la rata non rappresenta più un terzo reale di quando era stato stipulato il mutuo; in secondo luogo le case perdono valore e con esse dimunisce anche la somma a garanzia del capitale residuo. Il credito vantato dalla banca in questo modo è poco esigibile in quanto non è più garantito come all’inizio della stipula del contratto di mutuo.

  2. admin Autore articolo

    Sono in aumento i mutuatari che chiedono la sopsensione del pagamento del mutuo per problemi economici, questo è un ulteriore campanello d’allarme dell’economia italiana; ricordiamo che la sospensione è stata introdotta come strumento per dare sollievo alle famiglie in difficoltà economica.

Lascia un commento